home » Blog » Maschio o femmina Come distinguerla?

Maschio o femmina Come distinguerla?

  • 4 min read
maschio o femmina Cannabis - Come distinguerle

Maschio o femmina come distinguerla

 

Maschio o femmina di cannabis? E’ importante saperli distinguere sia per ottenere delle cime che per ottenere dei semi per riprodurre la pianta.

La pianta di cannabis puo essere dioica oppure monoica , per monoica si intende che le piante abbiano il sesso maschile e feminile sulla stessa pianta questo permette un auto impollinazione e una successiva prduzione di semi.

Mentre le dioiche hanno il sesso femminile e maschile su piante separate per questo vengono utilizzate solo le piante femmine principalmente per la produzione di infiorescenze oppure estratti ricchi di sostanze.

Molto particolare avere delle piante di cannabis monoiche ovvero con il sesso maschio e femmina nella stessa pianta che significherebbe un autoimpollinazione e produzione di semi

Ma per alcuni tipi di varienta come possono essere quelle ad uso industriale non e affatto raro..

Per quanto riguarda la cannabis ad uso ludico principalmente le varita sono dioiche per questo e importante separare maschi e femmine per non farli rirpodurre ed avere un infiorescenza o estrazione di prodotto qaulitativamente migliore.

Le piante iniziano a mostrare il loro sesso intorno alle prime due settimane di fioritura. Dopo 6/8 settimane dalla germinazione i segni distintivi si manifestano intorno agli internodi determinando il sesso della pianta.

Le varietà indica e sativa fioriscono quando le notti iniziano ad allungarsi o il fotoperiodo viene accorciato, Con le autofiorenti invece è il tempo e non la luce ad innescare la fase di fioritura.

 

PIANTA MASCHIO 

Le piante maschio trasferiscono i geni alle nuove generazioni di piante.

I fiori di una pianta maschio producono sacchi pollinici.

Manifestandosi nella fase di fioritura, la produzione di sacchi pollinici, determina il sesso maschile della pianta.

Appena questi sacchi diventano abbastanza maturi, si “aprono” e producono fiori bianchi e verdi, impollinando successivamente le piante femmine .

Anche se non sono prelibate come le femmine, le piante maschio, contengono un’alta quantità di cannabinoidi e generano anche un’alta quantità di terpeni.

 

PIANTA FEMMINA

Le piante femmine producono grosse gemme con uno spesso strato di resina, contenente percentuali di cannabinoidi variabili in base alla varietà

La resina viene prodotta da piccole ghiandole a forma di fungo, i tricomi. Ma possono avere alta concentrazione di THC(per un uso ricreativo o medico), questa speciale resina, permette l’impollinazione facendo rimanere il polline appiccicato pronto per la fecondazione.

Ma il passo da affrontare, quello principale per distinguere le femmine, è isolare i maschi.

Cosi facendo le piante femmine, nel tentativo disperato di essere impollinate, producono maggiori quantità di resina e di migliore qualità.

Questi potenti fiori femmina non fertilizzati si chiamano “Sinsemilla” che in spagnolo significa “senza semi”.

Un altro metodo per riconoscere le piante femmina è osservare i pistilli, gli organi sessuali. Intorno alla 1/2 settimana di fioritura negli internodi si dovrebbero sviluppare sottili filamenti bianchi o arancioni.

 

Grazie a tutti i lettori e supporter, se avete qualche domanda o consiglio scriveteci in privato sulla nostra pagina Facebook ! !

Se vi è piaciuto l’articolo passate sulla nostra pagina Facebook e lasciateci un Like ! !

 

!  !  !  S T A Y  H I G H  !  !  !

 

Non ci riteniamo responsabili dell’uso che farete di queste informazioni le nostre guide/articoli hanno puro scopo informativo, in alcuni paesi compresa italia l’uso e la coltivazione di cannabis è illegale e punito dalla legge in via penale e amministrativa leggetevi anche la disclaimer

Anche se per nostra pura convinzione un’uso ricreativo occasionale o medico e non a fini di spaccio è del tutto lecito e per legalizzare eccovi il link http://freeweed.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.