Coltivare Cannabis le Basi

Coltivare Cannabis

Ciao a tutti!! In questo articolo darò una descrizione abbastanza dettagliata della cannabis, dei metodi per coltivare cannabis e della spesa necessaria per coltivarla. In fondo troverete le coltivazioni specifiche e tanto altro.

La prima cosa da sapere per coltivare cannabis è che la cannabis ha vari tipi di pianta con genetiche diverse ed ognuna ha una sua caratteristica, alcune sono state create dall’uomo ed altre sono incroci di centinaia di anni.

Le genetiche si dividono in tre gruppi sativa, indica e ruderalis. Come si vede in foto.coltivare cannabisCannabis sativa: sono piante alte con la forma simile ad un albero di natale, arrivano ad un altezza di 4 metri o poco più all’esterno mentre in casa dipende dal set up che usiamo per crescerle ma di solito non più di due metri. Sono piante che derivano da posti molto caldi e sopportano bene le alte temperature.

I derivati di questa pianta (fumo e fiori ecc..) hanno un effetto più rilassante che euforico per le concentrazioni di thc, cbd e cbn che sono tre dei tanti principi attivo della cannabis.

Sviluppano più il fiore che la resina, ma non è sempre cosi.

La cannabis indica: è una pianta che prende la forma più di un cespuglio con molte foglie e di solito rimane bassa non più di un metro e qualcosa; è una pianta che sta bene anche in climi temperati ma non troppo freddi.

I suoi derivati (fumo erba ecc..) hanno un effetto più euforico che rilassante o celebrale sempre per le diverse concentrazioni dei tre elementi o più,  sviluppano molta resina e per questo sono adatte per fare il fumo che è costituito da resina per lo più.

Cannabis ruderalis: sono le piante cresciute nei posti molto freddi, comunemente quelle selvatiche, sono come fiori abbastanza alti fino a 60 cm; Questo tipo di piante non è usato dai coltivatori per lo scarso rendimento se non per incrociarle e formare le nane auto fiorenti.

Poi ci sono, oltre a delle genetiche, degli incroci di sative con le indica avendo 30 indica/70 sativa ad esempio.

Possiamo dire che ce ne sono molte e con concentrazione di tutti i tipi, per spiegarvi come sono queste genetiche ci vorrebbe un libro per la mole di informazioni, ma vi basti sapere che incrociando si ottengono piante con molta resina alte o piante con poca resina basse in poche parole.

Incrociando cannabis sativa/indica e ruderalis si formano anche nane auto fiorenti che, per passare in fioritura, non usano il cambio di luce ma fioriscono dopo un determinato tempo in automatico.

Negli incroci anche i sapori vengono incrociati formando i sapori dolci e fruttati che amano tanto i consumatori.


Maschi e Femmine

La cannabis come l’uomo ha un sesso: maschio e femmina.

I maschi producono i semi mentre le femmine producono il polline per inseminare i maschi. La cannabis maschio ha una bassa percentuale di thc per questo non viene usata per produrre erba ma solo per produrre semi.

Mentre quella femmina è la pianta utilizzata per produrre l’erba o il fumo ecc..


Categorie Di Semi

Prima di comprare qualsiasi tipo di seme di cannabis bisogna sapere che ce ne sono varie categorie ed ogni categoria ha una particolare metodo di crescita e coltivazione.

  1. Femminizzate: sono semi solo femmina quelli che hanno più concentrazione di thc sono stati creati da breder degli e sono comodi perché non vanno divisi tra maschi e femmine.
  2. Maschio: ha una bassa percentuale di  thc ne hanno poco e niente e si usano solo per  fare olio e prodotti di consumo legale oppure i semi e possono essere piantati legalmente in Italia e molti altri paesi dell’unione europea.
  3. Regolari: tra questi semi si trovano maschi e femmine a random e vanno poi divisi ed eliminati i maschi nel periodo di inizio fioritura; Hanno l’unico vantaggio che le femmine rendono poco di più delle femminizzate perche hanno una genetica più resistente.
  4. Nane: sono semi che hanno un altezza non superiore al metro e di solito crescono abbastanza in fretta, hanno una resa minore in quantità.
  5. Nane auto fiorenti: sono semi  che  provengono da incroci di sative o indica con le ruderalis,  per questo sono piante basse e fioriscono dopo un determinato periodo rendendo il lavoro molto più semplice (per alcuni motivi che apprenderete in prossimi articoli), sono le più veloci a crescere ma hanno una resa minore in quantità.
  6.  Outdoor: semi con una genetica adatta a crescere all’esterno
  7.  Indoor: semi con una genetica adatta a crescere all’interno

Quindi con tutte queste categorie qualcuno potrebbe sentirsi spiazzato e non sapere cosa scegliere.

Di solito chi coltiva al chiuso sceglie delle femminizzate il periodo di coltivazione è di 3 mesi ma le rese sono superiori.

Mentre chi vuole coltivare all’aperto sceglierà sicuramente una genetica femminizzata adatta all’outdoor terminando il suo ciclo in circa 4 mesi.

Poi ci sono i coltivatori che hanno fretta , questi coltiveranno sicuramente nane autofiorenti perchè terminano il loro ciclo in 2 mesi circa e non hanno bisogno di un cambio di luce come per le femminizzate.

Mentre le piante maschio e regolari vengono utilizzate da coltivatori commerciali perché hanno bisogno di particolari cure oppure da chi vuole produrre semi, olio, pasta ed altri prodotti legali in quasi tutti i paesi.

 


 

Metodi Di Coltivare Cannabis

Coltivare cannabis in vasi con terra: Coltivare in terra è più semplice, più biologico, meno dispendioso ma le rese sono inferiori in quantità e qualità del prodotto finale.

Coltivare cannabis idroponica: E’ usata principalmente in casa perché massimizza la resa con le lampade, consiste  nel coltivare le piante in vari tubi o impianti in cui le radici della pianta sono sospese con uno strato inerme come: lana di roccia , argilla espansa ecc.

In questo strato inerme o tubo viene passata dell’acqua costantemente o quasi , l’acqua sta in una vasca sottostante e viene usata in un circolo continuo per il minimo spreco.

La vasca contiene al suo interno acqua  e fertilizzanti in microelementi che sono il nutrimento della pianta che, con particolari tecniche, vengono miscelati per pompare le piante al massimo.

Questo tipo di coltivazione è molto complicata, bisogna studiare abbastanza, ma le rese sono fino a sette volte maggiori in confronto alla coltivazione con terra.

Di contro abbiamo però che ci vogliono impianti costosi e che consumano molta energia.

Coltivare cannabis aeroponica: molto complicata, si può eseguire correttamente solo dopo aver appreso l’idroponica e qualche nozione di chimica ed aver molta esperienza con tubazioni e materiale elettrico necessaria alla coltivazione, ma la resa è massima.

La coltivazione aeroponica non è molto diversa dalla coltivazione idroponica, le radici della pianta sono sospese in una camera ermetica che viene nebulizzata con soluzioni di acqua e microelementi.

In questa camera ermetica c’è uno scolo che è collegato ad una vasca per riprendere l’acqua , subito dopo tramite una pompa e vari spruzzatori viene nebulizzata sulle radici in un ciclo continuo.

Questo consente di avere un apporto maggiore di ossigeno nell’apparato radicale ed è per questo che ci sono rese e qualità incredibili.

Spesa per coltivare Cannabis

Bisogna sapere che coltivare cannabis in casa può essere abbastanza dispendioso ma ci sono metodi per risparmiare e saranno elencati sotto la voce (semplice) nei link in fondo alla pagina, qui metterò in regola generale la spesa con ogni set up per una pianta.

Anche se alcune cose non vanno comprate due volte in caso di più piante.

Ci sono molte cose da calcolare e di cui la pianta ha bisogno per fare un ciclo:

  1. acqua;
  2. luce (energia dispersa nel dare luce) solo in casa;
  3. luce (la lampada) solo in casa;
  4. nutrimenti  terra solo coltivazione in terra(alcuni sono inseriti in terra altri vanno presi a parte);
  5. nutrimenti basilari nutrimenti che danno il sostentamento basilare della pianta;
  6. nutrimenti supplementari sono nutrimenti aggiuntivi che aumentano la resa e la qualità ognuno ha una caratteristica;
  7. vasi solo terra;
  8. sistema vasi (solo idroponica aeroponica);
  9. root  (servono a contenere  il seme in germinazione e travaso);
  10. vari marchingegni elettronici o plastici utili questi vanno a piacere per la maggior parte;
  11. strumenti elettronici (in idroponica e aeroponica sono fondamentali alcuni strumenti).

Set up  terra una pianta all’esterno ( seme cannabis 10$ acqua 10$ terra 5$vaso 5$ nutrimento supplementare da 0 a 70$ vari pezzi di elettronica da 0 a 200$ root 5$ ) spesa totale da 30  a 300.

Set up terra una pianta in casa  ( seme cannabis 10$ acqua 10$ terra 5$ luce 30 o 60$ lampada 60 a 120$ nutrimento supplementare da 20 a 70$ vari pezzi di elettronica da 0 a 200$ root 5$vaso 5$ ) spesa totale da 125 a 460.

 

Set up per idroponica in casa ( seme cannabis 10$ acqua 10$ strati inermi 10$ luce 30 o 60$ lampada 60 o 120$ nutrimento basilare 20$ nutrimento supplementare 0 o 100$ sistema vasi 30 o 60$ root 5$ strumenti elettronici 100$ strumenti elettronici supplementari 0 a 200 ).

spesa totale da 280 a 700 sappiate che per l’idroponica ci sono apparecchi anche personalizzati che costano molti soldi, ma che in questo tipo di  impianti può essere tutto automatizzato.

Le 3 Fasi Di Coltivazione

Ci sono tre passi per completare una coltivazione di cannabis:

  • la prima è la germinazione del seme;
  • la seconda è la fase vegetativa;
  • la terza è quella di fioritura.

Germinazione Della Cannabis

La germinazione è quella fase in cui si prende il seme e si fa schiudere. Ci sono vari metodi per schiudere un seme ma, secondo me, il più semplice è piantarlo in un bicchiere pieno di  terra e bagnarla leggermente con una siringa una volta al giorno.

Quando le prime foglie saranno uscite dalla terra il bicchiere andrà tagliato a metà e la pianta sarà trapiantata in un vaso più grande.

In questo articolo potete trovare un altro metodo più scientifico studiato per la terra, mentre in questo articolo potete trovare un  altro metodo per la coltivazione idroponica.

Fase Vegetativa

In questa fase la pianta andrà messa sotto una fonte di luce se coltivate in casa un hps agro sarà/saranno una fonte adeguata, mentre il sole rimane sempre la miglior fonte di luce all’esterno.

Le ore di luce indoor in questa fase devono essere 18.

La pianta andrà annaffiata abbondantemente una volta al giorno in coltivazioni con terra, se si coltiva con sistemi idroponici le annaffiature variano in base all’ impianto utilizzato.

Questa fase varia molto in base anche al seme infatti la fase vegetativa indoor dura circa tre settimane mentre outdoor può durare due mesi, se invece si usano piante auto fiorenti la fase vegetativa dura sempre tre settimane.

Fase di Fioritura

La fioritura è quella parte della coltivazione in cui la pianta incomincia a formare i fiori o semi se maschile.

Le piante regolari e femminizzate entrano in fioritura con il cambio di luce quindi per passare in fioritura all’esterno è necessario che le ore di luce calino, in questo modo la pianta passerà in fioritura.

Mentre se si coltiva indoor basta cambiare le ore di accensione della lampada e quindi passare gradualmente da 18 ore accese a sole 12 ore accese.

Le piante autofiorenti non hanno bisogno del cambio di luce e quindi possono essere lasciate a 18 ore accese perché sono piante che si sviluppano in climi artici e quindi hanno bisogno di molte ore di luce per un breve periodo, in ogni caso crescono anche con 10 ore di luce .

Per le annaffiature vanno fatte sempre nello stesso modo ma nell’acqua vanno aggiunti fertilizzanti specifici per la fase,   in questo articolo parlo dei fertilizzanti  per terra e la fase in cui usarli mentre in un altro articolo parlo dei fertilizzanti per idroponica.

La fase di fioritura può durare diverso tempo, ad esempio le femminizzate indoor impiegano circa un mese e due settimane mentre quelle outdoor ci mettono due mesi e qualche settimana.

Le autofiorenti circa un  mese.

Quando si entra in fioritura le piante inizieranno a formare il fiore, dopo varie settimane il fiore si svilupperà e verranno fuori delle belle cime, mentre nell’ultima fase della fioritura le foglie dovrebbero diventare gialle quello sarà il segnale che è ora di raccogliere e seccare.

In questo articolo potete vedere come viene tagliata seccata e conciata la cannabis per produrre erba di buona qualità.

Tutti i Trucchi Per una Resa Superiore

Esistono vari trucchi per avere una resa superiore in qualità e quantità, la cosa che ha più valore è sicuramente il ph poi c’è l’ec e infine tutti quei parametri di temperatura umidità.

Una cosa molto importante sono le lampade!! Se si coltiva indoor queste daranno l’energia necessaria per tutti i processi di crescita della pianta.

Oltre questi trucchi ci sono vari metodi per modificare la forma della pianta, come: topping, fimming, lst.

E vari metodi per coltivare: scrog, sea of green ecc..

La genetica che si utilizza avrà un impatto grandissimo sulla resa per questo va decisa con attenzione.

In alto potete trovare un menù con ogni articolo descritto per tutti questi trucchi oltre un menù per ogni tipo di coltivazione e tanto altro.

Su questo sito specializzato in prodotti per coltivare potete trovare di tutto e vi farete un idea più dettagliata di  quali sono i prodotti che servono per coltivare e i loro prezzi link.

In internet  si possono  trovare molte varietà di cannabis, basta digitare: “seed bank” su google e troveremo una stragrande varietà di siti. Questi sono quelli che ritengo più seri   http://www.dutch-passion.nl/   https://sensiseeds.com/it  perché hanno varietà molto differenti e sono li da anni.

Sappiate però che esistono negozi specializzati sulla vendita di semi sparsi per tutto il globo, quindi utilizzate google e digitate seedshop per il vostro paese o regione, sicuramente troverete quello che vi serve.

Ci tengo a precisare che se risiedete in italia la vendita di semi è regolamentata mentre la coltivazione è reato.

link

AGGIORNATO 21/12/2017

 

Grazie a tutti e alla prossima!!

Commentate!! NON c’è bisogno di registrazione o indirizzo e-mail se avete bisogno di aiuto c’è il modulo fai una domanda.

Non ci riteniamo responsabili dell’uso che farete di queste informazioni le nostre guide e i nostri articoli hanno puro scopo informativo in alcuni paesi compresa italia l’uso e la coltivazione di cannabis è illegale e punito dalla legge in via penale e amministrativa leggetevi anche la disclaimer

Anche se per nostra pura convinzione un uso ricreativo santuario o medico non a fini di spaccio è del tutto lecito e per legalizzare eccovi il link http://freeweed.it/

nv-author-image

samuel alamia

Rispondi