Coltivare Cannabis Biologica Outdoor

Ciao in questo articolo vedremo come coltivare cannabis biologica.

La coltivazione biologica tra tutte le culture si differenzia per essere la più sana e la più ecologica e su questo siamo tutti d’accordo, ma e possibile avere dei buoni risultati anche con la cannabis?

la risposta è si la coltivazione biologica può soddisfare la pianta completamente.

Inoltre esistono vari metodi per non utilizzare pesticidi chimici e per assicurarsi che il prodotto finale sia BIO.

Preparazione Del Terreno

La terra e il principio di tutto

Per noi attualmente l’unica coltivazione biologica e quella nel terreno, per questo e fondamentale avere un terreno lavorato il più possibile.

Il terreno in vaso può essere torba possibilmente bio senza perlite e possibile aggiungere dell lapillo vulcanico per dare un po di porosità.

Mentre se si coltiva in campo aperto è importante che il terreno abbia le giuste caratteristiche quindi un ph neutro tendente al acido e che non sia un terreno ristagnate in cui l’acqua non defluisce.

Queste sono le due caratteristiche che il terreno deve assolutamente avere i terreni sabbiosi non sono molto ideali perche non trattengono nutrimenti pero almeno defluiscono l’acqua.

mentre un terreno argilloso di base non defluisce l’acqua pero trattiene molti nutrienti, ma è necessario mescolarlo con torbe sabbia e altri terreni meno ristagnanti.

In vaso e o in campo è possibile mescolare il terreno gia miscelato con compost di vermi se ne trovano parecchi anche nei grow shop.

Questo composto e un attivatore naturale del terreno e riempirà il suolo di coltivazione di tutti quei batteri che hanno a che fare con le radici della pianta.

e possibile usare altri prodotti per aumentare la flora del suolo come Micorize e Tricoderma solitamente già presenti in un solo attivo da anni.

Concimazione Iniziale

La concimazione iniziale e necessaria solo dove il terreno utilizzato in partenza risulta molto scarico.

Un terreno scarico potrebbe essere un terreno sabbioso o un terreno di partenza molto usurato,la torba e un terreno molto ricco di nutrienti per questo non ha bisogno di essere preconcimata ma solo attivata.

il fertilizzante o meglio ammendante di preferenza e sicuramente qualcosa di provenienza animale oppure organica.

Sostanzialmente per avere ottimi risultati si usa il guano di pipistrello e la cenere di palma ma oppure il the di compost.

per questo solitamente si procede mescolando un po di terra e ammendante scelto posizionandolo infondo al vaso oppure infondo alla buca .

e importante quando si fa questo procedimento rispettare una certa altezza di solito si scava almeno 30 cm o piu e si riempe con terra ed ammendante.

In questo modo quando le radici arriveranno nella fase di fioritura a toccare il fondo potranno prelevare i nutrimenti.

Sopra questo strato di nutrienti possiamo aggiungere torba e compost di lombrico carico di azoto e ricco di flora batterica.

Trapianto o Semina

Abbiamo due modi per far partire una coltivazione al esterno la prima e piantare i semi direttamente nel terreno di coltivazione.

Metodo che io sconsiglio assolutamente in quanto alcuni semi potrebbero morire prima di schiudersi oppure anche dopo per via di insetti o rapaci.

il secondo e quello che preferisco perche piu sicuro, in pratica si fa schiudere il seme in un vasetto o jiffi di torba e poi si trapianta in campo..

e importante avere nella fase di schiusa dei semi un ambiente protetto, una serra abbastanza ampia dove poter riporre molti vasetti di piccole dimensioni.

Uno spazio di un metro per un metro può andar bene per un centinaio di piantine di piccole dimensioni.

Dopo aver effettuato la semina nel vasino e possibile far germinare e crescere questa piantina per qualche settimane in questa piccola serretta in questo modo sara più forte al momento del trapianto.

Fase vegetativa

Nella fase vegetativa la pianta ha bisogno di molto azoto per aumentare la disponibilità di foglie preparando il terreno nel modo descritto prima, il terreno sara apposto e sara sufficiente annaffiare.

l’acqua che utilizziamo deve essere decantata se si utilizza quella di rubinetto questo perchè altrimenti il cloro uccide i batteri benefici.

Basta lasciarla almeno 24 ore in un recipiente al sole

nella fase vegetativa di cui le ore diurne sono solitamente in salita dalle 13 alle 15 ore,se si coltiva out , e necessario toppare la pianta per dargli modo di allargarsi.

in questo modo la pianta si sviluppa a cespuglio e avrà una resa maggiore a fine raccolto

il topping apicale e le potature ripetute sempre sugli apicali vanno fatte una volta a settimana partendo dalla 3 settimana di vegetativa,

Appena il ciclo di luce viene cambiato oppure la stagione arriva al solstizio d’estate non si e seguono più potature apicali.

Controllo Dei Parassiti e Habitat

Esistono un infinita di parassiti che possono colpire la canapa o cannabis, ma quelli che provocano più danni sono le cimici e il ragno rosso e i lombrichi

per scongiurare l’attecchimento di qualsiasi parassita e importante avere un habitat circostante il più possibile variegato con siepi e altre piante da frutto.

Un ecostistema di dimensioni non esagerato non ha bisogno di nessun tipo di antiparassitario e lo stesso ecosistema a mantenere l’equilibrio fra i vari parassiti.

se pero si Coltiva di fianco a campi industriali tipo il mais o il grano potrebbe essere possibile riscontrare notevoli problemi.

il primo e che questi vengono irrorati di sostanze antiparassitari e quindi non hanno ecosistema naturale.

il secondo e che molti insetti superiori come cimici e bruchi attirati dal mais invece di proliferare sul mais coperto da antiparassitario lo faranno sulla canapa.

per questo e necessario non essere in vicinanza di coltivazione con ecostistema alterato ad uso industriale.

Se pero avete i problemi descritti sopra l’unico modo e creare un habiat equilibrato e quindi inserire in vicinanza delle piante che attirano i predatori naturali.

le piante sono alberi da frutto siepi e magari un bel orto con fagioli nani pomodori zucchine e insalata.

alcuni tipi di fico attirano le vespe ottime predatrici naturali, ed e consigliato il fagiolo nano perchè è una pianta che si infesta quasi sempre di afidi che attira le coccinelle.

un altro modo per debellare un insetto che crea danni può essere quello di inserire un suo predatore ogni insetto ha il suo predatore…

Alla fine dei conti se l’ecostistema e variabile non e necessario nemmeno usare l’olio di neem che pero e possibile dare subito dopo aver trapiantato la pianta e solitamente ripetuto almeno due volte nella fase di vegetativa.

Controllo Degli infestanti

Per infestanti si intendono erba e altre piante che solitamente circondano la coltivazione si potrebbe pensare che non sono un problema in realtà nel giro di mesi potrebbero togliere spazio alla nostra pianticella.

per controllare l’erba si mette un telo da camminata e si praticano dei fori solo dove andranno riposte le piante in questo modo tutto il resto rimane sotto e morirà per mancanza di luce.

mentre le piante circostanti andranno tagliate dalle radici quindi estirpate completamente a mano o con apparecchi appositi.

in questo modo si evita di utilizzare erbicidi dannosi per la salute.

le piante che circondano la coltivazione non sono malevole la cosa importante e che ci sia una certa distanza , almeno un metro per evitare infestazioni non comuni della cannabis.

Fase di Fioritura

La fase di fioritura inizia quando si vedono i primi pistilli bianchi uscire da bocciolo del internodo ramo foglia.

in questa fase la pianta richiede più elementi come il fosforo e il potassio mentre l’azoto andrebbe calato.

Se il terreno e stato preparato con un fondo di guano e cenere di palma allora non sara necessario dare altro.

la pianta dovrebbe prendere i nutrimenti necessari e procedere in fioritura egregiamente.

nella fase di fioritura potrebbe essere necessario aggiungere microelementi mancanti come il calcio il magnesio e il ferro.

esistono alcuni metodi naturali per farlo come i fondi del caffe l’acqua della pasta ecc ecc

dalla 5 settimana di fioritura e consigliabile non dare nulla per lasciare tre settimane di scaricamento del terreno.

non appena la pianta sara ad uno stadio di maturazione ideale potremo raccogliere tutto quindi tutto quello che serve a questo punto e solo tanta pazienza…

Grazie a tutti i lettori e Growers che ci seguono, se avete dubbi o consigli scriveteci sulla nostra pagina Facebook ! !
Potete trovarci anche tramite Instagram dove postiamo periodicamente foto delle nostre coltivazioni
Se invece volete ricevere tutti gli articoli recenti vi basterà seguirci su Twitter Facebook oppure iscrivervi alla newsletter .

! ! ! S T A Y H I G H ! ! !

Non ci riteniamo responsabili dell’uso che farete di queste informazioni i nostri articoli hanno puro scopo informativo, in Italia la coltivazione di cannabis a basso tenore di thc e Normata dalla legge 242 2016 piu informazioni riguardanti la coltivazione potete ricavarle dalla nuova Disclaimer

Se siete interessati a Normare la cannabis ad alto tenore di thc qui trovate il gruppo dedicato

nv-author-image

samuel alamia

Rispondi