Cannabinoidi – THC e CBD

La Cannabis contiene oltre 480 componenti attivi. Una parte di questi componenti è presente solo in questo genere di piante, 80 precisamente ma cosa sono THC e CBD

Gli 80 componenti presenti nella cannabis sono conosciuti come cannabinoidi.

I cannabinoidi si legano con i recettori del nostro corpo dando effetti al sistema nervoso e al cervello.

Gli 8 maggiori cannabinoidi rilevabili presenti nella Cannabis sono:

  • THC ;
  • CBD ;
  • CBN ;
  • CBG ;
  • THCV ;
  • CBC ;
  • THCA ;
  • CBDA .

Oggi spieghiamo cosa sono e quali sono le differenze tra THC e CBD.

THC e CBD 

Riuscire a capire davvero quali sono le differenze tra i cannabinoidi non è semplice, ma vi consentirà di scoprire usi che non conoscevate della Cannabis, e riuscire a migliorare il tenore di vita delle persone che ne hanno bisogno.

THC

Il THC o delta-9-tetraidrocannabinolo è il principale composto psicoattivo presente nelle piante di Cannabis e responsabile dell’effetto “High”.

Le concentrazioni di THC variano a seconda della Cannabis/Hashish o estratto. Generalmente variano dal 7% al 27%, ma ci sono estratti o Hashish/Cannabis con concentrazioni di THC maggiori.

Esso è responsabile dell’illegalità della pianta in alcuni paesi, tuttavia, essendo il primo cannabinoide scoperto ha dato molti risvolti positivi nella medicina.

Stimolando il cervello, aumenta il livello di dopamina, creando una sensazione di euforia ed eccitazione in grado di stimolare la mente e provocando stati alterati psicofisici.

Ha dimostrato di avere diverse proprietà analgesiche: allevia sintomi di dolore ed infiammazione.

E l’unico principio attivo della cannabis a poter creare oltre ad effetti positivi anche effetti negativi sopratutto se utilizzato in alte dosi e concentrazione senza il supporto degli altri componenti attivi della pianta.

CBD

Il CBD invece risulta essere il secondo cannabinoide più conosciuto presente nella Cannabis.

La cosa che differenzia maggiormente THC e CBD è che il CBD non ha effetti psicoattivi, ma in realtà il CBD e un vero regolatore del sistema nervoso centrale.

Da poco e stato scoperto che l’alto uso di THC e i suoi effetti negativi possono essere regolati se non del tutto eliminati dal CBD.

Questo vuol dire che una pianta contente THC e CBD insieme risulta a tutti gli effetti più curativa e senza quei fastidiosi effetti indesiderati che in molti posso riscontrare.

Fortunatamente il CBD è legale in tutto il mondo e viene considerato sicuro oltretutto attualmente può essere anche venduto con qualche limitazione.

Scienziati e medici apprezzano che non sia un eccitante psicoattivo, studiando tutti i possibili effetti, positivi e negativi del CBD sul nostro corpo.

Il CBD ha dimostrato di essere efficace per il trattamento contro la schizofrenia, il disturbo di ansia sociale e la depressione.

Inoltre è adatto per il trattamento di malesseri fisici come infiammazioni, emicranie, artriti e spasmi muscolari.

Attualmente il CBD viene considerato solo un integratore alimentare e non una vera e propria medicina, ma le cose stanno cambiando.

Grazie a tutti i lettori e coltivatori, se avete dubbi o domande scriveteci sulla nostra pagina Facebook ! !

Se vi è piaciuto l’articolo andate a lasciarci un mi piace sulla nostra pagina ! ! !

!  !  !  S T A Y  H I G H  !  !  !

Non ci riteniamo responsabili dell’uso che farete di queste informazioni le nostre guide/articoli hanno puro scopo informativo, in alcuni paesi compresa Italia l’uso e la coltivazione di cannabis è illegale e punito dalla legge in via penale e amministrativa leggetevi anche la https://houseofcannabis.it/disclaimer/
Anche se per nostra pura convinzione un’uso ricreativo occasionale o medico e non a fini di spaccio è del tutto lecito e per legalizzare eccovi il link http://freeweed.it/

houseofcannabis

Samuel Alamia fondatore di houseofcannabis. Attivista pro legalizzazione dal 2014 , distribuisce informazioni e cannabis in oltre 20 paesi nel mondo.